Questa versione è stata realizzata dalla collaborazione dei seguenti siti www.joomlaitalia.com | www.joomla.it | www.jmovies.eu | www.luscarpa.eu | www.joomlahost.it |
Home arrow Gruppo Veterinario Suinicolo mantovano arrow Ultime notizie arrow La Leptospirosi suina: quale situazione in Italia?
La Leptospirosi suina: quale situazione in Italia? PDF  | Stampa |

Il Gruppo Veterinario Suinicolo mantovano in collaborazione con MSD Animal Health ha organizzato lo scorso 5 Aprile un incontro dal titolo:

 

“La Leptospirosi suina: quale situazione in Italia?”

 

Relatori: 

Mario D’Incau (Reparto Tecnologie Biologiche Applicate. Laboratorio Batteriologia Specializzata, IZSLER)

Mauro Beccalossi (MSD Animal Health)  

 

La leptospirosi è una zoonosi cosmopolita sostenuta da batteri della specie Leptospira interrogans sensu latu (ceppi patogeni), di cui si conoscono circa 230 sierovarianti patogene. È una malattia infettiva che colpisce molte specie di mammiferi domestici e selvatici che possono svolgere il ruolo di serbatoio o ospite accidentale ed eliminare nell’ambiente le leptospire attraverso l’urina.

A seconda della specie e della sierovariante il quadro clinico della malattia può variare da asintomatico a grave, con danni in particolare a fegato e reni. Le specie di interesse zootecnico più sensibili sono bovino e suino, dove il sintomo più frequente è l’aborto. Tra gli animali da compagnia, il cane è il più colpito ed è a rischio di sviluppo di forme gravi quali sindrome uremica e ittero-emorragica.

Nell’uomo la leptospirosi è conosciuta come malattia professionale per allevatori, veterinari, addetti alla macellazione e veterinari addetti all’ispezione delle carni. La malattia è denunciabile e soggetta a provvedimenti sanitari. (Tratto dal sito IZVe delle Venezie)

 

 

Per scaricare le relazioni vai nella sezione Incontri 2019